Senso di pesantezza agli arti inferiori, bruciore, pruriti, formicolii, caviglie gonfie?

Sono tutti sintomi caratteristici della Malattia Venosa Cronica che, inizialmente si verificano in maniera transitoria ma che, se non trattati, possono diventare persistenti e tendono a cronicizzarsi. La cronicizzazione dei sintomi determina l’avanzamento della patologia verso gli stadi più gravi, in questi casi ancora definita Insufficienza Venosa Cronica.

Tra le maggiori cause individuiamo:
– l’ereditarietà
– l’alterazione della funzionalità e dell’anatomia delle vene superficiali, determinato da un rilassamento della parete, con conseguente incapacità di spingere tonicamente – e contro gravità- il flusso sanguigno dalla periferia al cuore.

Le gambe sono il punto più declive del corpo, infatti è qui che si verificano le principali manifestazioni di questo disturbo.

Se si desidera mantenere attiva la circolazione si dovrà praticare con continuità attività fisica, indossare calzature corrette (no tacchi alti), per evitare il rallentamento della circolazione, lasciando da parte calzature e pantaloni troppo aderenti ed evitare sostanze che peggiorino la funzione delle pareti venose (ad es. il sale negli alimenti, il fumo di sigaretta o l’uso della pillola anticoncezionale).

Per questo motivo, in caso di malattia venosa cronica, è opportuno intervenire tempestivamente, tramite l’utilizzo di calze a contenzione elastica che agisce sulle vene superficiali, evitando il reflusso sanguigno.
Inoltre, risulta chiaro che per un trattamento efficace non basta agire su un solo aspetto, ad esempio il tono venoso, ma è necessario un intervento più completo e contemporaneo sui 3 aspetti patogenetici della MVC: microcircolo, sistema linfatico e tessuto interstiziale.