tendinopatie-sport

Praticare sport è fondamentale per la nostra salute, poiché il movimento tonifica i muscoli, rinforza le articolazioni, migliora l’attività cardiocircolatoria e la respirazione, aiuta a ridurre il peso corporeo e previene l’obesità. Inoltre, facendo attività fisica, il nostro organismo rilascia sostanze (serotonina) che migliorano persino l’umore.
Bisogna però prestare attenzione agli “imprevisti”. Per esempio, in vista della settimana bianca, non si può passare dalla vita sedentaria in ufficio, alla pista da sci, senza un’adeguata preparazione.
È opportuno, quindi, prepararsi in anticipo in modo da ridurre il rischio di cadute e di traumi come distorsionistrappi muscolaridisturbi tendinei.
Per le tendinopatie, la principale causa scatenante è il sovraccarico funzionale. Nonostante i tendini siano strutture molto resistenti, capaci di adattarsi a notevoli sollecitazioni, essi sono sensibili ai piccoli traumi: se questi si ripetono nel tempo possono causare infiammazione e modificare le naturali caratteristiche di resistenza ed elasticità del tessuto tendineo.
Può essere di grande aiuto, nella prevenzione, lo stretching -effettuato qualche minuto prima della pratica sportiva- associato al buon senso e alla prudenza.
Inoltre, potrebbe essere opportuno migliorare il trofismo del tendine con l’assunzione di integratori che apportino componenti specifici per il tessuto tendineo.
Un componente indispensabile è il collagene, in particolare il collagene di tipo I. Con il passare degli anni, la quantità di collagene nel nostro organismo si riduce notevolmente e ciò comporta la degenerazione di alcuni tessuti, in particolare quelli sottoposti a sforzi costanti: ad esempio i tendini.
In caso di tendinopatie, ancor di più, è importante intervenire con la somministrazione esogena di un’adeguata quantità di Collagene di tipo I al fine di promuovere la sintesi di nuovo collagene, aumentare la resistenza del tendine e favorire la rigenerazione connettivale del tendine.
Inoltre, è consigliabile associare l’assunzione di molecole capaci di intervenire sulla ridotta perfusione sanguigna che genera ipossia, sul processo infiammatorio e sull’edema concomitante.

 

 

Ti possiamo consigliare…